Carissimi,
inizia questa “particolare” Settimana Santa 2020, con un lungo raccoglimento del pontefice mentre ascolta l’inno gregoriano d’ingresso, alcune strofe del “Vexilla Regis“, e poi rivolge il suo accorato pensiero al “potenziale” problema delle carceri affollate in questo periodo di pandemia.

Segue la trascrizione della monizione introduttiva, il riferimento alle letture del giorno, e la trascrizione dell’omelia.

Il Santo Padre non ha recitato alcuna preghiera per la comunione spirituale, ma il lungo momento di adorazione eucaristica durante il tempo della comunione è stato mantenuto

Terni 6 Aprile 2020
Ave Maria!
Marco.

Penso a un problema grave, che c’è … in parecchie parti del mondo: io vorrei che oggi per pregassimo (per) il problema del sovraffollamento nelle carceri; e dove c’è un sovraffollamento … tanta gente lì, c’è il pericolo, in questa pandemia, che finisca in una calamita grave: preghiamo i responsabili, per coloro che devono prendere decisioni in questo, perché trovino la strada giusta e creativa per risolvere il problema.

Colletta

Guarda Dio onnipotente, l’umanità sfinita per la sua debolezza mortale, e fa’ che riprenda vita per la passione del tuo unico Figlio. Egli è Dio e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

LettureIs 42, 1-7; Sal.26; Gv 12, 1-11.

Santa Messa del Lunedì Santo dalla cappella di Casa Santa Marta

Questo passo finisce con una osservazione: «i capi dei sacerdoti allora decisero di uccidere anche Làzzaro, perché molti Giudei se ne andavano a causa di lui e credevano in Gesù».

L’altro giorno abbiamo visto i passi della tentazione, no? La seduzione iniziale; poi cresce, secondo passo; terzo, cresce si contagia e si giustifica, ma c’è un altro passo: va avanti, non si ferma.

A questi … per questi non era sufficiente dare morte a Gesù, ma anche adesso Lazzaro, perché era un “testimone di vita”. 

Ma io vorrei oggi soffermarmi su una parola di Gesù: «Sei giorni prima della Pasqua», siamo proprio alla porta della passione, Maria fa questo gesto di contemplazione No? Marta serviva, come l’altro passo … e Maria apre la porta alla contemplazione, e Giuda pensa ai soldi, e pensa ai poveri, ma non perché gli importasse dei poveri, ma perché “ladro” e «siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro.»

Questa storia dell’amministratore non fedele sempre è attuale, sempre ce ne sono, anche a un altro livello: pensiamo (ad) alcune organizzazioni di beneficenza, umanitarie, che hanno tanti impiegati … tanti, che hanno una struttura molto ricca di gente, e alla fine arriva ai poveri il 40%, perché c’è sempre da preparare lo stipendio a tanta gente, no? è un modo di prendere i soldi dei poveri.

Ma la risposta di Gesù – e qui voglio fermarmi – «i poveri infatti li avete sempre con voi».

Questa è una verità: «i poveri infatti li avete sempre con voi»

I poveri ci sono, ce ne sono tanti: c’è il povero che noi vediamo, ma questa è la minima parte, la grande quantità dei poveri sono coloro che noi non vediamo, i poveri nascosti, e noi non vediamo perché entriamo in questa “cultura dell’indifferenza” che … che è “negazionista”, e neghiamo: no, no, non ci sono tanti, non si vedono, si … quel caso … sempre diminuendo la realtà dei poveri, ma (ce) ne sono tanti, tanti …

O anche, se non entriamo questa cultura dell’indifferenza, c’è un’abitudine di vedere i poveri come “ornamenti” di una città, no? Ma sì, ci sono, come le statue, si ci sono, si vedono, sì quella vecchietta che chiede elemosina, quell’altro … ma come una cosa normale: è parte della “ornamentazione” della città avere dei poveri, ma la grande maggioranza sono i poveri-vittime delle politiche economiche, delle politiche finanziarie.

Alcune recenti statistiche fanno il riassunto così: ce ne sono tanti (di) soldi nelle mani dei pochi, e tanta povertà in tanti, e molti.

E la povertà di tanta gente vittima della ingiustizia strutturale dell’economia mondiale, e tanti poveri che … provano vergogna di far vedere che non arrivano a fine mese, tanti poveri del “ceto medio” che vanno di nascosto alla Caritas e di nascosto chiedono, e provano vergogna.

I poveri sono molto più dei ricchi, molto … molto … e quello che dice Gesù è vero, «i poveri infatti li avete sempre con voi», ma io li vedo, io me ne accorgo di questa realtà, soprattutto della realtà nascosta: coloro che provano vergogna di dire che non arrivano a fine mese.

Ricordo che a Buenos Aires mi avevano detto che l’edificio di una fabbrica abbandonata da anni era stato abitato, era abitato da … da una quindicina di famiglie, che erano arrivati in questi … in quegli ultimi mesi.

Io sono andato lì: erano famiglie con bambini e avevano preso ognuno una parte della fabbrica abbandonata per vivere, e guardando ho visto che ogni famiglia aveva dei mobili buoni, mobili che ha un ceto medio: avevano una televisione, ma sono andati lì perché non potevano pagare l’affitto, già.

I nuovi poveri, che devono lasciare la casa perché non possono pagarla vanno li: è quell’ingiustizia nell’organizzazione economica o finanziaria che li porta così, e tanti (ce) ne sono, tanti … a tal punto che li incontreremo nel giudizio.

La domanda prima che ci farà Gesù è: “come vai con i poveri?”

Hai dato da mangiare? Quando era in carcere lo hai visitato? In ospedale lo hai visto? hai assistito la vedova, l’orfano? Perché li ero io.

E su questo saremo giudicati: non saremo giudicati per il lusso, o i viaggi che facciamo, o l’importanza sociale che avremo … saremo giudicati per il nostro rapporto con i poveri.

Ma se io oggi ignoro i poveri, li lascio da parte, credo che non ci siano, il Signore mi ignorerà nel giorno del giudizio; quando Gesù dice «i poveri infatti li avete sempre con voi» vuol dire “Io sarò sempre con voi nei poveri, sarò presente lì”, e questo non è fare il “comunista”, questo è il centro del Vangelo, appunto … che noi saremo giudicati su questo.

Particolare della Tovaglia dell’altare della cappella di Casa Santa Marta

Scritto da:

Marco@ReginaDellaPace.IT

Sono nato il 31 Dicembre 1970, mi occupo di informatica praticamente da sempre, e sono arrivato a Medjugorje il 30 Dicembre 2001: dopo il 50° "viaggio" (da pellegrino, da "guida", da "reporter") ho smesso di contarli.

Attraverso Medjugorje, ma soprattutto attraverso i messaggi, ho ricevuto innumerevoli Grazie, fra le quali quella di essere ancora in vita, e quella di aver raccontato "per via telematica" proprio dal 2002 quanto ho avuto il dono di vivere in questa "oasi di Pace".