Carissimi,
nel periodo di mia permanenza nei paraggi di Medjugorje lo scorso gennaio, un mercoledì sera ho ricevuto un invito a partecipare ad un “gruppo di preghiera”.

L’invito è stato molto semplice: “vieni a pregare con noi, ci vediamo alle 19:30 davanti a quella croce, non lontana dal tuo albergo“.

Così alle 19:30 ci siamo trovati davanti a questa croce, chi mi ha invitato mi ha presentato agli altri, che sembravano contenti della mia presenza, ci siamo inginocchiati davanti alla croce, e abbiamo pregato una corona di rosario davanti a questa croce … dopodiché ci siamo salutati, abbiamo fatto un “selfie ricordo”, e siamo tornati ognuno per la sua strada, ma con la gioia nel cuore.

La cosa potrebbe sembrare del tutto “ordinaria”, specie in “ambito Medjugorje”, forse potreste iniziare ad “intuire” qualcosa di particolare, se vi dico che a farmi l’invito è stato Mario, il marito di Via … e che a guidare il tutto da un comunissimo libretto è stato Miljenko, colui che il 2 di ogni mese “traduceva” sul posto il messaggio ricevuto da Marija.

Mario Marco e Tomislav a Citluk
Io Mario e Tomislav a Citluk
dopo la preghiera

Ma quella sera ci fu un altro incontro “speciale”, e, mi fu fatto capire, quasi imprevisto … presente al “rosario del mercoledì” infatti c’era Tomislav, quella persona a cui mario aveva gridato “è andato su senza bisogno di play-off” il 24 Novembre 2000, e di cui mi aveva parlato solo due giorni prima !!!

Tornato in albergo, mi riproposi che non appena mi fosse stato possibile in Italia, avrei iniziato anche io ad essere fedele all’appuntamento del Mercoledì, e non vedo momento migliore che iniziare adesso in tempo di “pandemia”.

Vorrei farvi riflettere meglio sulla circostanza di questo “gruppo di preghiera”: a Mario, come sapete, entra il cielo in casa ogni pomeriggio, a Miki scendeva accanto almeno ogni due del mese, e nonostante questo, in ogni condizione di tempo, ogni mercoledì alle 19:30 sentono l’esigenza di riunirsi per pregare un rosario inginocchiati per l’intenzione della Madonna.

Non è forse questa “l’essenza di Medjugorje”? Non disse forse la Gospa “il Gruppo di preghiera sono NECESSARI in OGNI parrocchia”?

Una delle prime persone a cui raccontai di questa grazia, mi chiese d’istinto: “dov’è il gruppo? Come si fa a partecipare?”

E no! Il gruppo è nella tua parrocchia! Per partecipare, ci si inginocchia alle 19:30 e si prega, meglio se con due o più “fratelli”, perché «dove sono due o tre riuniti nel Mio nome, io sono in mezzo a Loro» (Mt 15,20).

La Gospa non ci ha infatti detto di “riunirci a pregare in Chiesa con un sacerdote mariano con i canti di Medjugorje con la chitarra e se possibile con il violino e l’ostensorio grande” od altre simili amenità, ci ha semplicemente detto “Pregate! Pregate! Pregate!”.

Per questo privatamente ho iniziato a cercare di essere fedele al “Rosario del Mercoledì”, e da stasera provo anche a trasmetterlo in “diretta streaming” su YouTube … chi vuol partecipare si attrezzi con Google Meet per pregare insieme a me la sua decina …

Ma se non potete … inginocchiatevi davanti a un crocefisso e pregare, se poi c’è qualcun’altro in casa con voi, moglie marito figli o chiunque altro la provvidenza vi abbia posto vicino, ancora meglio … se poi sapete attrezzarvi con la telematica, anche a distanza: fondate OGGI il VOSTRO gruppo di preghiera del Mercoledì, specie e soprattutto se non ne avete mai avuto uno ….

Terni 1 Aprile 2020
Ave Maria!
Marco.

Scritto da:

Marco@ReginaDellaPace.IT

Sono nato il 31 Dicembre 1970, mi occupo di informatica praticamente da sempre, e sono arrivato a Medjugorje il 30 Dicembre 2001: dopo il 50° "viaggio" (da pellegrino, da "guida", da "reporter") ho smesso di contarli.

Attraverso Medjugorje, ma soprattutto attraverso i messaggi, ho ricevuto innumerevoli Grazie, fra le quali quella di essere ancora in vita, e quella di aver raccontato "per via telematica" proprio dal 2002 quanto ho avuto il dono di vivere in questa "oasi di Pace".