Carissimi,
purtroppo non si tratta di un titolo ad effetto, ma di una semplice verità: del resto che prima o poi dovesse avvenire qualcosa di simile era del tutto presumibile.

Fra Tomislav Pervan: PROSTOR SAVRŠENE SLOBODE | Fra Tomislav ...
Padre Tomislav Pervan davanti al suo confessionale abituale

Nei giorni scorsi avevamo avuto notizie delle prime “positività” a Citluk e a Ljubuski, dopo quella “clamorosa” di Mostar, ma questa mattina a dare la notizia in forma “ufficiale” è stato Padre Tomislav Pervan, stimato teologo da 20 anni al servizio della parrocchia di Medjugorje, e da 7 anni cappellano del convento delle “Suore Scolastiche Francescane di Cristo Re” anche loro da anni al servizio della stessa parrocchia.

Sembrerebbe che lo abbia fatto tramite “whatsapp” verso alcuni parrocchiani, per informare che lui, un altro frate e altre tre suore sono risultati positivi al Sars-Cov-2: il messaggio in pochi minuti ha fatto ovviamente il “giro del mondo” …

Il suo messaggio però è stato del tutto sereno e incoraggiante, perché inizialmente aveva pensato, dati i sintomi lievi, alla sua comune influenza stagionale e considerando che da quando in Bosnia Herzegovina è passata l’ordinanza che vieta l’uscita da casa degli over 60 lui da li non si era mosso, ma è stato qualcun’altro a portare il virus nel convento dove vivono 23 suore, per lo più molto anziane, che “hanno dedicato tutto il loro tempo a Dio e alla Chiesa” – per usare le sue parole – e che “sono in pericolo.”

L’intenzione di Padre Tomislav era sopratutto quella di chiedere preghiera per questa grave circostanza, ma anche di dare informazioni precise sulla dinamica del contagio, avvenuta molto probabilmente per mezzo di una sorella che, essendo uno dei membri del consiglio dei superiori della propria comunità religiosa ed in particolare a capo della congregazione di Roma, si è recata in Croazia per i suoi esercizi spirituali annuali e poi ha fatto visita al convento di Medjugorje avendovi abitato mentre era responsabile della casa “Mati Krispina”.

Padre Tomislav si è preoccupato quindi di difendere la sorella da accuse strampalate, fra le quali quella di provenire da un “viaggio di piacere”, ed ha quindi implorato preghiere per l’intero convento, ma soprattutto perché il Signore allontani da tutti noi questo “mostro”.

Personalmente non vorrei commentare oltre la notizia, ma riporto a fine articolo le parole di Padre Tomislav in croato e che sembrano “originali”, cioè provenire dal suo “messaggio whatsapp” originale fatto poi circolare fra i fedeli di Medjugorje …

Il consiglio migliore che mi sento di poter condividere con voi davati a questa circostanza, è quello di meditare profondamente su quanto ha detto Papa Francesco venerdì scorso da Piazza San Pietro in occasione del momento di preghiera e della straordinaria benedizione Urbi et Orbi.

Ricordate che in tanti anni non abbiamo MAI ricevuto un solo messaggio della Gospa di tono “millenaristico”, cioè che annunciasse sciagure o punizioni divine o altre simili amenità, ma che in ogni suo messaggio Lei non ha mai mancato di infondere speranza, accanto ad accorati e ripetuti inviti alla conversione.

Una rapida ricerca fatta su uno dei più utilizzati siti per la consultazione dei messaggi da Medjugorje, in attesa che su Maria.ReginaDellaPace.it completiamo il nostro “database”, produce alla data di redazione di questa memoria 44 risultati se si prova a cercare la frase “non abbiate paura”.

Terni 29 Marzo 2020
Ave Maria.
Marco.

Segue il testo originale del messaggio in lingua Croata, pubblicato anche da Dnevni List con il seguente articolo

Dragi moji, jedna neugodna vijest. Naime, uvukao se corona virus u ovaj samostan u kome živim već sedam godina. Tu sam duhovnik časnih sestara, a svakodnevno – na dnevnoj osnovici – bio sam u župi kao propovjednik, ispovjednik, uglavnom. Ispovjednik već više od 20 godina. Pa hvala Gospodinu. Jučer smo testirani ovdje, dvojica fratar – ja i još jedan, te tri časne sestre. Svi smo POZITIVNI.
Ako se sjećate ja sam negdje u srijedu jutro napomenuo da molimo za Papu koji je također ugrožen, ali sam stavio i svoje potrebe u vaše molitve. Neki su to iščitali da nešto nije u redu. Pa – slijedom – u utorak popodne osjetio sam groznicu, drhtavicu, hadnoću. Tipično za mene kad imam griput. Slabost u drhtanje u slabinama. Ujutro sam već imao temperaturu, ne više od 37,7-8. Zvao svoju sestru koja me pokrila odmah lijekovima tako da sam bio s te strane zbrinut. Temperatura je ovih minulih dana opadala, nije bila na uzlaznoj krivlju što je simptomatično za corona-oboljele. Nisam imao nikakvih dišnih probema, ni s plućima, ni s bronhijama, mogao sam normalno disati bez ikakvih smetnji, bez onih peckanja ili žarenja o kome se govori. Mislio sam – redovita godišnja gripa – takvi su bili simptomi. Temperatura se održavala na graničnoj vrijednosti – oko 37,00 stupnjeva – malo dolje malo gore. – Za svaki slučaj jučer sam se testirao i test je ispao pozitivan. Sve u svemu, jedan blagi oblik infekcije.
Otkako je izdana zabrana izlaska za osobe 60+ nisam nikamo išao iz ove kuće ni dvorišta, nisam palio vozilo, držao sam se propisa. Ali, eto netko je donio virus u kuću. A u kući su 23 časne sestre, mahom starije dobi, koje su svoje dalle Bogu i Crkvi te ovdje provode stare dane, ali su ustrajne u molitvi. One su ugrožene. Ne znam kakva bi slika ispala da su se sve testirale, a verojatno bi ih bilo još zaraženih. Nu, sad je sve u rukama Gospodinovim i liječnika.
Čujem – ne pratim – kako se na društvenim mrežama neki podsmijavaju i rugaju – časna bila u Italiji. Istina je ovo: Časna sestra koja je na službi u Rimu, gdje obnaša u svojoj zajednicu jednu od glavnih vijećnica te je predstojnica Kuće matice u Rimu došla je u HRVATSKU 6. 3. – DAKLE, ŠESTOGA OŽUJKA _ sudjelovala na duhovnim vježbama u Bijelom Polju, obilazila sve svoje, svoju rodbinu, a kako je prije nego je otišla odavle bila ovdje u ovome samostanu i vodila kuću Mati Krispina – došla je ovdje. Bez ikakve sumnje u zaraženost. Stoga su zluradi i zlonamjerni oni koji podmeću da je časna išla u neki “provod”… Od toga ni spomena. I svi griješe duše koji takvi što podmeću.
Iz razgovora s liječnicima – vele mi da sam krizu prebrodio, da je organizam stvorio otpor te da nema opasnosti od pogoršanja. Jasno, treba uzimati terapiju i ono što stručnjaci kažu. Nadam se da će biti dobro – uz Goposinovu pomoć.
SVE VAS MOLIM STAVITE OVAJ SAMOSTAN I SESTRE KOJE SU INFICIRANE U SVOJE MOLITVE. JER SVE TRI RADE U MAJČINU SELU! Gospodina molimo da od nas odvrati zlo ove pošasti! Hvala vam do neba. Fra Tomislav

Scritto da:

Marco@ReginaDellaPace.IT

Sono nato il 31 Dicembre 1970, mi occupo di informatica praticamente da sempre, e sono arrivato a Medjugorje il 30 Dicembre 2001: dopo il 50° "viaggio" (da pellegrino, da "guida", da "reporter") ho smesso di contarli.

Attraverso Medjugorje, ma soprattutto attraverso i messaggi, ho ricevuto innumerevoli Grazie, fra le quali quella di essere ancora in vita, e quella di aver raccontato "per via telematica" proprio dal 2002 quanto ho avuto il dono di vivere in questa "oasi di Pace".