… dopo un certo numero di colloqui con certi “personaggi” in questi primi giorni del 2020 … ritengo moralmente doveroso il condividere con voi alcune “riflessioni” …

Chiunque abbia fatto esperienza di Medjugorje per un certo numero di anni – specie se consecutivi – avrà avuto evidenza che il contesto ha generato un certo numero di “personaggi”: e il Sacerdote “famoso”, e il musicista “famoso”, e la suora “famosa”, etc etc etc … 

Mentre muovevo i primi passi del cammino, questi personaggi mi affascinavano, erano sicuramente “oggetto del mio interesse”, come del resto è avvenuto anche per tanti altri pellegrini intorno a me: il tutto non solo per naturale curiosità umana, ma anche, oggettivamente, per i frutti che portavano, in un certo numero di casi, evidentemente “buoni” …

Poi qualcosa cambiò: iniziai a maturare, ed incidentalmente anche a ricevere un certo numero di “ferite” da questi soggetti, alcune delle quali ancora, mio malgrado, sanguinano. 

Nel 2010 la svolta definitiva, grazie a un personaggione … noto … e chi mi segue da tempo potrebbe intuire a a chi mi riferisco: la quantità di devastazione apportata da tale soggetto alla mia anima, ed in particolare il numero delle volte che ha calpestato la mia dignità senza rispetto alcuno sono state tali che riuscii a guarire da questa perniciosa patologia, in tutti i sensi … come scriverò fra poco.

Da allora, non ho avuto più in considerazione NESSUNO sulla faccia della terra, NESSUNO: ogni persona che incontro, per me è chi sarebbe (ed è) per la Madonna … un’anima, debole, a rischio perdizione come me … ognuno di questi “soggetti” avrà anche lui l’ora della sua morte come me, rischiando di perdersi o salvarsi come è successo a tutte le creature ad oggi; tutte, forse esclusa una … 

… e da allora lo sapete che succede? Talvolta, mi cercano … alcuni evidentemente hanno capito che non li tengo minimamente in considerazione, e specie quando mancano pellegrini, mi pregio persino di “evitarli ad arte” … e così talvolta mi vengono a cercare … mi fanno un sorriso, alcuni persino azzardano un “ciao Marco, come stai” …

Carissimi, riflettete su questa dinamica di cose … ed iniziate a cercare e perseguire i vostri fini, cercando di fuggire l’occasione di scambiarli con i vostri mezzi.

Ben venga il personaggio quando è “occasione di conversione” con la sua testimonianza … e perché no, anche con la sua buona parola: ma quanti personaggi sono passati da qui che dopo un periodo costruttivo hanno finito di dare scandalo grave, in alcuni casi anche su scala “planetaria”.

Coltivate l’umiltà ed abbiate in considerazione gli umili, perché di parte di essi ha detto Gesù che saranno i primi … non si può infatti strutturalmente essere ultimi, senza essere umili …

Abituatevi non solo a “fuggire” i personaggi se avete in considerazione la salute spirituale della vostra anima, ma se proprio volete fare qualcosa per loro, pregate e digiunate in silenzio e nel nascondimento, perché non si perdano, e voi con loro! In questo caso si che l’attenzione “al personaggio” potrebbe rivelarsi proficua, e il Signore per mezzo di Maria concedervi una quantità di grazie inimmaginabile rispetto a quante avreste avuto pregando per la vostra intenzione particolare. 

Grazie a Dio ho modo di constatare che sempre più persone hanno compreso che Medjugorje non ha bisogno di alcun “personaggio” … e che ogni “personaggio” rischia solamente di catalizzare l’attenzione su di Lui invece che sulle grazie e sui messaggi. 

Provate ad immaginarvi l’ora di adorazione a Medjugorje, e pensare chi vi viene in mente alla prima nota di violino …. Gesù nel santissimo Sacramento? O un volto con un nome e un cognome?

Medjugorje 11 Gennaio 2020
Ave Maria!
Marco. 

20200111-MEDJ_Riflessione, revisionato il 22 Aprile 2020

Scritto da:

Marco@ReginaDellaPace.IT

Sono nato il 31 Dicembre 1970, mi occupo di informatica praticamente da sempre, e sono arrivato a Medjugorje il 30 Dicembre 2001: dopo il 50° "viaggio" (da pellegrino, da "guida", da "reporter") ho smesso di contarli.

Attraverso Medjugorje, ma soprattutto attraverso i messaggi, ho ricevuto innumerevoli Grazie, fra le quali quella di essere ancora in vita, e quella di aver raccontato "per via telematica" proprio dal 2002 quanto ho avuto il dono di vivere in questa "oasi di Pace".